Esami complementari

Esami complementari

Dott. Fabio Antonioni

Al fine di identificare una diagnosi eziologica precisa si potrà procedere ad una serie di accertamenti diagnostici strumentali da affiancare a quelli tradizionali partendo preferibilmente da quelli meno invasivi.

1. Analisi emocromocitometrico

2. Analisi emobiochimico

3. Analisi urinaria

4. Analisi ormonali (pancreatica, tiroidea)

5. Analisi liquido cefalo-rachidiano (sedazione generale)

6. EEG (non agevole negli animali)

7. RX

8. RMN (Risonanza magnetica nucleare – sedazione generale)

9. TC (Tomografia assiale computerizzata – sedazione generale)

Al fine di escludere eventuali cause metaboliche o tossico-infettive sarà bene considerare ulteriormente: formula leucocitaria, bilancio biochimico (glicemia, calcemia, albuminemia, acidi biliari, ALT, acidi biliari pre e postprandiali, colesterolo, elettroliti, trigliceridi, funzionalità tiroidea, rapporto insulina/glucosio, dosaggio del Piombo, sierologico o PCR per Toxoplasma, Neospora, Cimurro, FIP.

In linea generale questi esami complementari risultano indicati in quei pazienti che presentano crisi focali nel periodo giovanile in età prepubere oppure oltre il sesto anno di vita refrattari ai tradizionali trattamenti farmacologici anticonvulsivi.

Precedente Successivo