Vai al contenuto

FIP: terapia

Terapia

Dott.ssa Chiara Dissegna – chiara.dissegna@libero.it

Per un gatto affetto da FIP, la prognosi è quasi sempre infausta.
terapia
Trattamento di gatti sani anticorpo positivi
Non c’è nessun trattamento che possa prevenire lo sviluppo della FIP in gatti sani ma con anticorpi per il FCoV. Un trattamento con corticosteroidi può nell’immaginario prevenire i sintomi clinici che possono verificarsi  (se la mutazione avviene) per un certo periodo di tempo, ma l’immunosoprressione ha l’effetto opposto e precipita i sintomi clinici poiché può aumentare il rischio di mutazione (se la mutazione non è già accaduta). Perciò, l’immunosoppressione è controindicata se il gatto è solo affetto da un coronavirus enterico innocuo. Poiché lo stress è un fattore importante nello sviluppo della FIP, evitare stress inutili può essere di beneficio. L’uso di IFN è ancora in discussione.
Trattamento di gatti con enterite indotta da coronavirus
La maggior parte dei casi di diarrea da FCoV non mutato sono autolimitamte. Gatti con diarrea cronica che hanno anticorpi contro FCoV, nei quali tutte le altre cause possibili sono state eliminate o nei quali il  FCoV è stato trovato nelle feci con eletromicroscopio, possono solo essere trattati con terapia di supporto con fluidi e alimentazione parenterale. Trattamento con lattulosio o yogurt naturale può beneficiare poiché regola la flora batteria. Nessun trattamento specifico antivirale sembra esserci per curare questa condizione.
Trattamento sintomatico di gatti con FIP
Il trattamento della FIP è per lo più destinato a fallire. Certi gatti con sintomi leggeri possono sopravvivere per alcuni mesi e il trattamento migliora la loro qualità di vita. Quando i sintomi sono debilitanti e il peso e l’appetito diminuiscono, è necessario preaparare il proprietario alla fine del gatto.
Poiché la FIP è una malattia immunomediata, il trattamento è atto a controllare la risposta immunitaria al FCoV e i migliori trattamenti consistono in dosi relativamente alte di immunosoppressori (come prednisone e ciclofosfamide) e antinfiammatori. Alcuni gatti con versamento trovano beneficio nella rimozione del fluido e iniezione di desametasone in cavità toracica o addominale. Possono essere anche trattati con anticorpi a largo spettro e terapia di supporto liquida. Un inibitore della sintesi di trombossano con il quale si inibisce l’aggregazione di piasrine..
Terapia antivirale
È ancora oggeto di studi.

Precedente Successivo