Indagini specializzate

Indagini specializzate

Dott.ssa Chiara Scerna – chiara.scr@alice.it

  • Immunoreattività tripsino-simile e concentrazione sierica dei  folati

Diapositiva06

Nel cane il TLI è un esame sensibile e specifico per l’insufficienza pancreatica esocrina da atrofia degli acini pancreatici, mentre nel gatto, in particolare nei soggetti diabetici, è utile per la diagnosi di IPE da pancreatite cronica, in quanto l’atrofia acinare in questa specie è molto rara.
La determinazione dell’immunoreattività tripsino simile fornisce una valutazione indiretta del tessuto pancreatico funzionante, individuando le proteine circolanti prodotte, in condizioni normali, dal pancreas.
La misurazione delle concentrazioni di folati e cobalamina è un’analisi di laboratorio utile per mettere in evidenza l’eventuale proliferazione batterica del tenue (SIBO) o gravi affezioni della mucosa intestinale.
Entrambi questi esami sono indicati in soggetti con diarrea cronica del tenue e perdita di peso.

Diapositiva07

I folati vengono assorbiti nel tenue, una riduzione dei livelli sierici può indicare un danno al piccolo intestino nella sua parte prossimale, mentre un aumento può essere provocato da una proliferazione batterica; la cobalamina è assorbita nel tratto più distale,  precisamente al livello di ileo, è coinvolge anche altri meccanismi.
Nell’assorbimento della cobalamina entrano in gioco la “proteina R gastrica”, che lega questa grande molecola, successivamente degradata dal “fattore intrinseco pancreatico” secreto dallo stomaco e dal pancreas nel cane e dal pancreas nel gatto.
Nell’ileo il complesso cobalamina – fattore intrinseco viene assorbito dagli enterociti.
La cobalamina può essere ridotta perché consumata dai batteri, per un danno a carico del piccolo intestino distale e per un deficit nella secrezione del fattore intrinseco pancreatico.
Bassi livelli sierici di cobalamina e folati possono essere indicativi di una patologia, anche grave, del piccolo intestino ma è da tenere presente che questi esami, sicuramente utili come screening per le malattie del tenue, sono caratterizzati da una sensibilità inferiore al 100%.

  • Test di permeabilità intestinale e istopatologia

Diapositiva08

I test di permeabilità intestinale sono di più utile riscontro nel cane dato che, in condizioni normali, la permeabilità intestinale del gatto risulta comunque maggiore.
I test sullo zucchero valutano la funzione di barriera della parete intestinale, tra le cellule epiteliali (giunzioni più strette) mediante il lattulosio e attraverso le cellule (permeabilità maggiore) mediante il ramnosio.
Il dosaggio dell’inibitore della alfa 1 proteinasi nelle feci e invece un test utilizzato per la valutazione delle perdite proteiche intestinali, è di grande importanza in quanto può essere utile per la diagnosi precoce della malattia intestinale, prima dell’insorgenza di segni riferibili ad un’ipoproteinemia grave.
La biopsia e l’istopatologia ci permettono di classificare le malattie intestinali in base all’aspetto morfologico.

Diapositiva09

Esempi di patologie diagnosticabili solo con l'ausilio bioptico

Bibliografia: Medicina interna del cane e del gatto Nelson Couto.
Focus edizione speciale “Insidie diagnostiche e terapeutiche nei disordini gastrointestinali del cane”. Veterinary exclusive. Weltham.

Precedente Successivo