Vai al contenuto

La steatosi epatica nel cane

La steatosi epatica nel cane

Dott.ssa Chiara Scerna – chiara.scr@alice.it

La degenerazione grassa del fegato è un fenomeno relativamente frequente che si presenta nel periodo della gravidanza; nelle fasi terminali della gestazione o subito dopo il parto, l’organismo è sottoposto ad un grande stress energetico e gli squilibri metabolici che ne conseguono possono evolvere, se in forma grave, in quella che viene chiamata “tossiemia gravidica della cagna”.

La steatosi epatica che si instaura a seguito di un’aumentata richiesta energetica da parte dell’organismo non è tipica solo del cane e si presenta anche nei bovini (steatosi epatica post partum) e nei cavalli (iperlipemia del pony).

Nei cuccioli invece la steatosi epatica può essere una conseguenza di numerosi fattori stressanti quali lo svezzamento, i cambi di alimentazione, le vaccinazioni, la vendita che comporta cambiamenti repentini ed a volte drastici delle abitudini del cucciolo, etc…

Sindrome che si manifesta nelle prime settimane di vita, caratterizzata da vomito, diarrea, atassia, convulsioni, rigidità della regione del collo, steatosi epatica, renale e cardiaca. In questo particolare caso la patogenesi della degenerazione grassa del fegato è riconducibile al digiuno prolungato ed all’ipoglicemia; nel digiuno la massiva richiesta di lipidi in circolo fa si che nell’organismo si mobilitino i grassi di deposito con aumentata richiesta di sintesi delle lipoproteine trasportatrici. Quando la sintesi delle proteine di trasporto diviene insufficiente ed inadeguata rispetto alla richiesta i grassi si accumulano negli epatociti provocando la steatosi.

Alcune razze sono particolarmente predisposte alle alterazioni del metabolismo dei grassi come lo Schnauzer ed il Pastore Shetland soggetti ad iperlipemia con steatosi epatica per difetto di smaltimento dei trigliceridi che vanno ad accumularsi negli epatociti.

Bibliografia: P.S. Marcato “Patologia sistematica veterinaria” Edagricole, 2002.
P.S. Marcato “Anatomia e Istologia Patologica Generale Veterinaria” Terza edizione Edagricole. 1997.
Nelson RW, Couto CG “Medicina Interna del cane e del gatto” seconda edizione italiana Masson, 2002.
Ettinger SJ, Feldman EC “Trattato di Clinica Medica Veterinaria: malattie del cane e del gatto” vol. 1-2 Antonio Delfino Editore, 2001.

Precedente Successivo