Rabbia sintomatologia

Sintomatologia

Dott.ssa Chiara DIssegna – chiara.dissegna@libero.it

La rabbia può presentare sintomi clinici variabili ed il sospetto può essere ritardato a causa di sintomi aspecifici. La variabilità della durata del periodo di incubazione dopo l’inoculazione del virus può ulteriormente ritardare il sospetto clinico; tale variabilità dipende dalle dimensioni dell’inoculo virale, dall’estensione dell’apporto nervoso al tessuto leso, dalla distanza della sede di inoculo dal midollo spinale e da fattori specifici dell’ospite, come per esempio l’età e la risposta immunitaria.
Spesso i sintomi clinici iniziano dopo una fase prodromica caratterizzata da nervosismo, ansia e altre alterazioni comportamentali. Può esserci parestesia nella sede di inoculazione.
Con la progressione dei sintomi clinici, possono apparire sintomi relativi al proencefalo come irritabilità, agitazione, pica, fotofobia e iperestesia. Questi sintomi clinici, spesso indicati come la forma furiosa della rabbia, possono progredire verso incoordinazione, convulsioni e morte.
Le forme di rabbia con paralisi e ottundimento sono caratterizzate dalla patologia del motoneurone inferiore che inizia nell’area della lesione iniziale e, talvolta, finisce per interessare tutto il SNC. La disfagia causata dalla paralisi dei muscoli della deglutizione causa un accumulo di saliva nella cavità orale, che può essere fonte di infezione per i proprietari e i veterinari che si prendono cura di tali pazienti.
Non appena gli animali vanno in come e sviluppano paralisi respiratoria avviene la morte.

Precedente Successivo