Vai al contenuto

Shunt porto-sistemico: diagnosi

Diagnosi

Dott.ssa Chiara Scerna – chiara.scr@alice.it

Si basa su anamnesi, segni clinici ed esami di diagnostica collaterale.

I segni clinici manifestati dai soggetti affetti da shunt porto-sistemico sono diretta conseguenza del mancato passaggio di sangue al livello epatico. Il fegato bypassato non adempie alle sue principali funzioni di detossificazione e trasformazione dell’ammonica in urea, digestive e di sintesi proteica (albumina).

La diagnosi di certezza avviene tramite l’ausilio di ecografia, radiografia, scintigrafia, identificazione macroscopica dello shunt durante l’intervento chirurgico e portografia intraoperatoria con mezzi di contrasto triiodati non ionici ad eliminazione renale, dotati di bassa tossicità e con minor rischio di reazioni avverse (iohexolo).

Bibliografia:
Nelson RW, Couto CG “Medicina Interna del cane e del gatto” seconda edizione italiana Masson, 2002.
Michael Schaer “Medicina clinica del cane e del gatto” Edizione Masson Elsevier. Milano. 2006.
Wilfried R. Kraft,Ulrich M. Dürr “Trattato di medicina e chirurgia del gatto” Edizioni Masson S.p.A. Milano. 2001.
J. K. Kealy,H. McAlliste “Radiologia e ecografia diagnostiche del cane e del gatto” Edizioni Elsevier Masson Milano. 2006.
Theresa Welch Fossum,Cheryl S. Hedlund,Ann L. Johnson “Chirurgia dei piccoli animali” Terza edizione Elsevier Masson. Milano. 2008.

Precedente Successivo