Vai al contenuto

Terapia Medica

Terapia medica

Dott.ssa Chiara Scerna – chiara.scr@alice.it

Il reintegro del deficit liquido ed il controllo farmacologico di vomito (quando presente) e diarrea sono il primo step nella terapia di un soggetto affetto da IPE; l’intervento terapeutico più mirato per alleviare i disturbi dell’insufficienza pancreatica esocrina si avvale dell’utilizzo di preparati a base di enzimi pancreatici, del controllo del regime dietetico e della somministrazione di antibiotici.
Gli enzimi pancreatici sostitutivi possono essere introdotti sotto forma di polveri da mescolare con l’alimento e dovrebbero essere associati all’utilizzo di antiacidi per ridurne al minimo il pericolo di inattivazione al livello gastrico.
In commercio esistono preparati a base di estratti concentrati di pancreas di origine suina in forma di capsule contenenti la polvere da mescolare all’alimento.
Il controllo del regime alimentare può essere fatto con una dieta che fornisca un moderato apporto lipidico, alimenti altamente digeribili, proteine ad elevato valore biologico (ricche in amminoacidi essenziali) e vitamine (vit. E, vit. K, cobalamina).
Gli antibiotici sono indicati nel caso in cui si manifestino sintomi riferibili ad uno squilibrio della microflora intestinale, possono essere utilizzati a tale scopo macrolidi, ossitetracicline e farmaci antibatterici come il metronidazolo, efficace sia nei confronti dei batteri anaerobi che dei protozoi.

Precedente