Vai al contenuto

Tipi di fluidi

Tipi di fluidi

Dott.ssa Chiara Scerna – chiara.scr@alice.it

I cristalloidi, una volta somministrati, lasciano il torrente circolatorio per diffondere nel compartimento interstiziale mentre i colloidi, che sono composti da molecole ad elevato peso molecolare, non attraversano le membrane e richiamano liquidi sia dal compartimento interstiziale che intracellulare verso quello plasmatico.
I fluidi con composizione simile al liquido extracellulare sono fluidi “bilanciati” in caso contrario sono “non bilanciati”.

La scelta del fluido da somministrare dipende dal tipo di disidratazione:

L’aumento o la riduzione del sodio (Na) influenza la tonicità dei liquidi; questo catione extracellulare regola la pressione osmotica, il volume dei liquidi, la trasmissione degli impulsi nervosi e la depolarizzazione cellulare.
La riduzione del sodio è responsabile della ipotonicità dei liquidi extracellulari mentre l’aumento ne comporta l’ipertonicità.
Il potassio (K) è indispensabile per il corretto funzionamento della contrazione muscolare, della funzionalità renale, della trasmissione degli impulsi nervosi e della funzionalità cardiaca, patologie che causano vomito e diarrea sono le principali responsabili della deplezione di questo catione intracellulare.
Bibliografia:
Ettinger SJ, Feldman EC “Trattato di Clinica Medica Veterinaria: malattie del cane e del gatto” vol. 1-2 Antonio Delfino Editore, 2001.
Nelson RW, Couto CG “Medicina Interna del cane e del gatto” seconda edizione italiana Masson, 2002.
Lloyd E. Davis “Terapia Pratica dei Piccoli Animali” Edizioni UTET. 1992
DiBartola SP “Fluid therapy in small Animal Practice” terza edizione. Saunders, 2006.

Precedente Successivo