Vai al contenuto

Valutazione della funzionalità pancreatica

Valutazione della funzionalità pancreatica

Dott.ssa Chiara Scerna – chiara.scr@alice.it

La funzionalità pancreatica è indagata mediante il test TLI (Trypsin- Like- Immuno-reactivity) che valuta le concentrazioni nel siero del Tripsinogeno, molecola prodotta dalle cellule acinose del pancreas insieme alla tripsina ed al complesso tripsina inibitore (il test quantifica le concentrazioni di Tripsinogeno in quanto questa molecola è la più rappresentativa della funzionalità pancreatica).

I livelli di TLI circolanti indicano la quantità di tessuto pancreatico funzionale “sano”, ovvero una riduzione notevole del TLI (< 2.5 ?g/l nel cane e < 8 ?g/l nel gatto) è considerato di significato diagnostico per l’EPI.

Il test è dotato di maggiore sensibilità e specificità per la diagnosi di insufficienza pancreatica esocrina rispetto ad altre indagini di laboratorio (esame microscopico delle feci, attività proteolitica fecale, chimotripsina fecale e BT-PABA test, test di assorbimento dei trigliceridi, valutazioni quantitative del grasso nelle feci) poiché valuta la concentrazione di molecole ad esclusiva competenza del pancreas.

In corso di pancreatite (TLI > 50 ?g/l nel cane e 100 ?g/l nel gatto) la valutazione delle concentrazioni di Tripsinogeno non è un test che viene impiegato come ausilio diagnostico sia per la ridotta sensibilità che per la necessità di una diagnosi tempestiva condizionata dalla rapidità di evoluzione del quadro patologico.

Nell’insufficienza renale il TLI aumenta per via della ridotta funzionalità dell’emuntorio renale come via di eliminazione.

L’alimentazione può condizionare il TLI e per tale motivo il test deve essere effettuato a digiuno, l’esame effettuato su soggetti che hanno appena mangiato può essere falsamente aumentato in quanto il cibo favorisce l’incremento dei valori del TLI.

L’atrofia pancreatica esocrina PAA ed episodi di pancreatiti acute con quadri di riacutizzazioni ripetute possono portare, se pur attraverso vie differenti, all’insufficienza pancreatica esocrina e quindi causare una notevole diminuzione del TLI (< 2.5 ?g/l nel cane e < 8 ?g/l nel gatto).

Tra i valori normali (5-35 ?g/l nel cane e 12-82 ?g/l nel gatto) ed i valori fortemente diminuiti di TLI c’è una finestra intermedia dove possono essere inseriti i casi di IPE sublinica, quando ciò si verifica il test deve essere ripetuto più volte per il monitoraggio del paziente.

Bibliografia: Willard. Tvedten. “Diagnostica di laboratorio dei piccoli animali”. Quarta edizione Elsevier. 2004

Precedente Successivo